È stato presentato lo scorso 16 aprile a Milano, presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci”, il 7° Rapporto annuale sul sistema di ritiro e trattamento dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE), a cura del Centro di Coordinamento RAEE.

Crescono nel 2014 sia la raccolta dei RAEE (+2,56 per cento) sia i Centri di Conferimento (+1 per cento) ed è la Valle d’Aosta la regione più virtuosa d’Italia con una media pro capite di 7,8 kg per abitante, mentre il Trentino Alto Adige è primo per diffusione dei Centri di Raccolta. Tra le regioni del Centro è la Toscana la prima in classifica, mentre la Sardegna è la migliore nell’area Sud e Isole.

Secondo il Rapporto, nel 2014 la raccolta complessiva è stata pari a 231.717.031 kg, con un incremento di quasi 6 milioni di kg rispetto al 2013 e un dato medio pro capite pari a 3,8 Kg di RAEE raccolti per abitante, poco sotto l’obiettivo minimo previsto dalla normativa europea di 4kg pro-capite. I Centri di Conferimento arrivano a quota 3.801, con un miglioramento del servizio a disposizione dei cittadini.

Il più raccolto continua a essere il Raggruppamento 3 (tv e monitor), con 68.512.035 Kg di Raee (-0,53 per cento rispetto al 2013). Seguono gli R1 (frigoriferi e apparecchiature refrigeranti) con 64.024.226 Kg di Raee raccolti e gli R2 (grandi elettrodomestici) con 57.949.079 Kg, entrambi in crescita di circa il 3 per cento rispetto al 2013. La raccolta di R4 (piccoli elettrodomestici) cresce del 6,21 per cento, ma è ancora una volta il raggruppamento 5, quello delle sorgenti luminose, a registrare il maggiore incremento percentuale, con un + 14 rispetto all’anno precedente.

Il 7° Rapporto è scaricabile dal sito del Centro di Coordinamento alla pagina https://www.cdcraee.it/GetPage.pub_do?id=2ca980954c369c25014ce55c67350385.