Ecolamp e FME (Federazione nazionale grossisti distributori di Materiale Elettrico) sono ancora una volta insieme per un’iniziativa destinata a sostenere la raccolta dei RAEE: si tratta di RIFIUTO SENZA PENSIERO, il progetto che promuove concretamente l’uno contro zero dei RAEE di piccolissime dimensioni. Il Consorzio, infatti, fornisce un servizio completo e gratuito ai punti vendita associati alla Federazione e aderenti al progetto, per l’offerta alla clientela del ritiro, direttamente all’interno del punto vendita e senza alcun costo e alcun obbligo di acquisto di prodotti equivalenti, degli apparecchi elettrici ed elettronici di piccole dimensioni ormai da buttare.

Rifiuto senza Pensiero - Ecolamp per FME

Risale al 2010 il primo accordo Ecolamp-FME, che ha portato alla nascita di Ecopoint, il progetto per la promozione e l’incentivazione alla raccolta delle sorgenti luminose esauste secondo il sistema uno contro uno.

Il 12 aprile 2014 l’entrata in vigore della nuova normativa RAEE (D.Lgs. 49/2014), oltre a confermare la modalità di ritiro uno contro uno, ha introdotto (all’art. 11 comma 3)  l’obbligo, per i punti vendita con superfici dedicate alle AEE (Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) superiori a 400 mq, di ritirare gratuitamente i RAEE di “piccolissime dimensioni” (inferiori a 25 cm) anche se chi li consegna non effettua alcun acquisto.  Si tratta dell’uno contro zero, che i distributori possono effettuare all’interno dei locali del proprio punto vendita o in prossimità immediata di esso anche per superfici di vendita inferiori.

Nasce così RIFIUTO SENZA PENSIERO un servizio innovativo che prevede:

  • per i singoli associati FME aderenti, il ritiro ed il trasporto gratuito, fino ad un impianto di trattamento adeguato, dei RAEE di piccolissime dimensioni raccolti dai punti vendita in modalità “uno contro zero” (ex DLgs49/2014 art.11 comma3);
  • la messa a disposizione degli aderenti, in comodato d’uso, di appositi contenitori per la raccolta di questi RAEE presso i punti vendita o i diversi luoghi di raggruppamento, nonché le relative unità di carico;
  • la fornitura da parte di Ecolamp di materiali informativi e di comunicazione in store, per aumentare la visibilità verso la clientela.

Sarà presto online, in un’apposita sezione del sito Ecolamp, la mappa con i riferimenti dei punti vendita aderenti, così da facilitare la ricerca del più vicino all’utente, anche da mobile.

«Con questo nuovo servizio dedicato ai PAED (Piccole Apparecchiature Elettroniche Domestiche) – sottolinea Fabrizio D’Amico, direttore generale di Ecolampil Consorzio mette a disposizione l’esperienza, maturata in questi anni con le sorgenti luminose, per la copertura di un più vasto bacino di raccolta di rifiuti elettrici ed elettronici. Contribuendo all’incremento della raccolta dei RAEE più piccoli, così come auspicato a livello nazionale ed europeo e sostenuto anche dai più recenti interventi normativi in materia.»

Rifiuto senza pensiero