Prosegue l’impegno di Ecolamp e Legambiente a favore di una corretta raccolta delle lampade di nuova generazione esauste. Sabato 9 e domenica 10 marzo torna, infatti, l’appuntamento con “Illumina il riciclo”, la campagna di sensibilizzazione che vede impegnati i volontari dell’associazione ambientalista e il consorzio davanti a numerosi centri commerciali e punti vendita della grande distribuzione.

L’obiettivo è informare i cittadini sul corretto smaltimento delle lampade a basso consumo esauste e spiegare cosa sono i Raee (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), categoria di rifiuti a cui appartengono anche le lampadine di nuova generazione giunte a fine vita.

Tra gli eventi in programma, sabato 9 marzo Illumina il riciclo è a Milano presso il Carrefour di Viale Monza 134, a Roma invece doppio appuntamento presso l’Unicoop Tirreno s.c. Via Cornelia 154 e presso la Coop di Largo Nino Franchellucci; ad Agrigento (ore 10.30) l’info-point è invece a Porta di Ponte – Via Atenea, ad Amalfi presso il Deco’ Supermercati La Grande Mela Srl – Via Dei Curiali. Altri punti informativi si trovano domenica 10 marzo a Pontecagnano (Sa) presso il Centro commerciale Maximall e a Potenza presso il Centro Commerciale Iperfutura, Via Isca del Pioppo snc Potenza.

Gli info-point, organizzati da Legambiente ed Ecolamp, sono un’occasione per ricordare come sia fondamentale la raccolta differenziata di queste lampade, rifiuti che possono essere riciclati fino al 95%. Dal loro trattamento si possono recuperare vetro, metalli e plastiche evitando, allo stesso tempo, la dispersione nell’ambiente della quantità, seppure minima (da 1 a 5 mg), di mercurio che questi prodotti contengono. Inoltre, i volontari illustrano ai consumatori le due modalità a disposizione per compiere correttamente la raccolta differenziata: recarsi presso le Isole Ecologiche comunali distribuite in tutto il territorio nazionale e gettare il materiale nell’apposito contenitore, oppure consegnare l’apparecchio esausto al negoziante in occasione dell’acquisto di un prodotto equivalente, avvalendosi del “ritiro uno contro uno”.