Si chiama RIFIUTO SENZA PENSIERO e l’obiettivo dichiarato è la raccolta totalmente gratuita, prima in aree test e successivamente in larga scala, degli apparecchi elettrici ed elettronici di piccolissime dimensioni non più funzionanti. Ecolamp, il Consorzio per il recupero e lo smaltimento di Apparecchiature di Illuminazione ed FME, la Federazione italiana dei grossisti di Materiale Elettrico, sono i partner di quest’iniziativa, attiva da luglio 2015 presso alcuni selezionati punti vendita della distribuzione di materiale e soluzioni per il settore elettrico.

Il servizio consiste nella fornitura, da parte di Ecolamp, di appositi contenitori per la raccolta in-store dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (i cosiddetti RAEE) di dimensioni inferiori ai 25cm e nel successivo ritiro di questi rifiuti per destinarli ad impianti di trattamento specializzati.

Il consumatore può perciò consegnare, senza alcun costo e alcun obbligo di acquisto (ritiro 1contro0), RAEE di piccolissime dimensioni (inferiori a 25 cm) come: cellulari, tablet, lettori mp3, radio, sveglie, mouse, spremiagrumi, spazzolini elettrici, ecc.

«Con RIFIUTO SENZA PENSIERO – sottolinea Fabrizio D’Amico, direttore generale di Ecolampil Consorzio mette a disposizione l’esperienza, maturata in questi anni con le lampadine, per la copertura di un più vasto bacino di raccolta di rifiuti elettrici ed elettronici. Contribuendo all’incremento della raccolta e all’avvio a corretto trattamento dei RAEE più piccoli, così come auspicato a livello nazionale ed europeo e sostenuto anche dai più recenti interventi normativi in materia.»

Il servizio, aperto a nuove collaborazioni da parte delle Aziende associate ad FME o altri grossisti interssati, è attualmente concentrato in Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna.